Vitigni autoctoni e potenzialità per la produzione di vini spumanti.

Vitigni autoctoni e potenzialità per la produzione di vini spumanti.

Il primo obiettivo realizzativo del progetto è stato la caratterizzazione fine compositiva-tecnologica delle uve di vitigni autoctoni e la valutazione delle potenzialità per la produzione di vini spumanti al 100% pugliesi.

Tale obiettivo è stato raggiunto attraverso numerose attività:

  1. Studio delle caratteristiche produttive e compositive delle materie prime;
  2. Studio dell’influenza di forme di allevamento/tecniche produttive/epoche raccolta sulle caratteristiche delle materie prime;
  3. Studio dell’efficacia ed influenza sui processi fermentativi di protocolli innovativi di protezione dei vigneti;
  4. Fingerprint molecolare di varietà autoctone di vite.

Vigneti

Studio dell’influenza di forme di allevamento/tecniche produttive/epoche raccolta sulle caratteristiche delle materie prime

Durante il primo anno di sperimentazione l’attività attraverso gli incontri con le cantine partner ha previsto l’individuazione di vigneti commerciali per 5 vitigni rappresentativi delle seguenti variabili: forma di allevamento, resa unitaria, giacitura, tecniche di protezione e conduzione agronomica; la raccolta ed analisi delle uve dai vigneti campione in differenti stadi di maturazione al fine dell’elaborazione ed interpretazione dei risultati finalizzata alla redazione delle linee guida per l’impianto e la conduzione agronomica ecocompatibile di materie prime idonee alla spumantizzazione per ciascun vitigno in studio. Durante l’estate del 2016, c’è stata la piena partecipazione e la collaborazione dei tecnici/consulenti, soprattutto con profili di agronomo ed enologo, delle cantine partner. In particolare presso la Cantina Alberto Longo è stata impostata una prova di confronto tra due differenti cariche di gemme per quanto concerne la varietà Falanghina, nel vigneto più prossimo alla cantina (allevamento a Guyot con portinnesto 1103 Paulsen).

Spalliera di Falanghina presso Cantina Alberto Longo Lucera (FG)
Spalliera di Falanghina presso Cantina Alberto Longo Lucera (FG)

Nel mese di luglio in seguito al sopralluogo, dal momento che in azienda l’Uva di Troia è allevata esclusivamente a spalliera, è stata campionata una porzione di vigneto retrostante al fabbricato della cantina. Scelta discriminante per le prove di confronto è stata la tipologia di terreno combinata al diverso portinnesto (1103 Paulsen e 775 Paulsen).

Vigneto di Uva di Troia
Vigneto di Uva di Troia

In seguito alla pianificazione effettuata in primavera, a partire dal mese di luglio sono stati effettuati i sopralluoghi nelle diverse aziende per contrassegnare i filari da cui effettuare i campionamenti delle uve a partire dall’invaiatura fino alla maturazione.

Vigneto A di Bombino nero presso Ruvo di Puglia (BA)
Vigneto A di Bombino nero presso Ruvo di Puglia – Crifo

Presso la Cantina Madonna delle Grazie a Torricella, le attività hanno riguardato le varietà Primitivo e Negroamaro. I campionamenti dei vigneti in agro di Torricella sono iniziati il primo agosto, e sono stati eseguiti dal personale della cantina con cadenze regolari nel corso della maturazione secondo le indicazioni concordate.

Vigneto B di Bombino nero
Vigneto B di Bombino nero
Vigneto A di Moscatello selvatico
Vigneto A di Moscatello selvatico
moscatello-b-24
Vigneto B di Moscatello selvatico

In seguito alla pianificazione effettuata in primavera, a partire dal mese di luglio sono stati effettuati i sopralluoghi nelle diverse aziende per contrassegnare i filari da cui effettuare i campionamenti delle uve a partire dall’invaiatura fino alla maturazione.

Vigneto A di Bombino bianco Cantina di Ruvo di Puglia Crifo
Vigneto A di Bombino bianco Cantina di Ruvo di Puglia Crifo
bombino-bianco-b-11
Vigneto B di Bombino bianco

Presso la Cantina Madonna delle Grazie a Torricella, le attività hanno riguardato le varietà Primitivo e Negroamaro. I campionamenti dei vigneti in agro di Torricella sono iniziati il primo agosto, e sono stati eseguiti dal personale della cantina con cadenze regolari nel corso della maturazione secondo le indicazioni concordate.

Vigneto di Primitivo A presso Torricella (TA)
Vigneto di Primitivo A presso Torricella (TA)
Vigneto B di Primitivo
Vigneto B di Primitivo
negroamaro-a
Vigneto di Negroamaro A
Vigneto B di Negroamaro
Vigneto B di Negroamaro

Caratterizzazione e miglioramento delle tecniche di produzione delle materie prime

Caratterizzazione e miglioramento delle tecniche di produzione delle materie prime

L’attività ha previsto la caratterizzazione tecnologica fine delle materie prime degli 11 vitigni in studio ovvero la determinazione delle curve di maturazione, zuccheri, acidi organici, costituenti polifenolici, profilo antocianico; il rilievo delle caratteristiche produttive (fenologia, fertilità, carpometria, produttività, peso del legno di potatura, etc.); al fine della elaborazione ed interpretazione dei risultati per la redazione delle schede tecnologiche-varietali degli 11 vitigni in studio. In ciascuna delle predette fasi c’è stata la piena partecipazione ed il supporto dei tecnici/consulenti, soprattutto con profili di agronomo ed enologo, delle cantine partner. Le attività sono state svolte nei vigneti di proprietà o dei soci delle cantine cooperative partner, del CRSFA Basile Caramia o altri vigneti commerciali. Presso la Cantina Alberto Longo sono stati individuati dei vigneti per i vitigni Uva di Troia e Falanghina; b) Presso la Cantina Cooperativa della Riforma Fondiaria di Ruvo di Puglia, i vitigni Bombino b., Bombino n., Uva di Troia; c) Presso la Cantina Cooperativa Madonna delle Grazie di Torricella i vitigni Negroamaro e Primitivo; d) presso il CRSFA Basile Caramia sono stati effettuati i rilievi per i vitigni Bianco d’Alessano, Maresco, Minutolo, Ottavianello, Moscato Reale, Moscatello selvatico, Uva di Troia e Falanghina.

Durante l’estate 2015, in attesa dell’avvio ufficiale delle attività di progetto sono state effettuate preventivamente la scelta ed il monitoraggio della maturazione tecnologica delle uve, prima della raccolta vera e propria per l’ottenimento di vini base idonei alla spumantizzazione, su tutti i vitigni in studio.